#PD IN MAGGIORANZA E IN MINORANZA E’ UN CORTO CIRCUITO ISTITUZIONALE #SOLOANICHELINO

03 mar, 2017

A soli 6 mesi dalle elezioni amministrative del Comune di Nichelino, vale la pena chiedersi a cosa serva il voto dei cittadini quando consiglieri di maggioranza e assessori hanno riabbracciato il Pd, sì, proprio quel pd combattuto in campagna elettorale.
Voltare le spalle a chi aveva creduto nel #cambiamento e fregarsene del #NoiCheFaLaDifferenza
Ma allora il #gattoELaVolpe adesso che fine hanno fatto? Solo slogan ovviamente, dovevamo immaginarlo.
Guardiamo queste umane transumanze e rimaniamo sbigottiti e sinceramente anche molto delusi da quello che continua ad accadere nella nostra città.
Tutto questo in barba a migliaia di cittadini che avevano creduto nel progetto.
Quanto ci piacerebbe che la politica si fondasse su ideali, principi capaci di essere fondamenta,
capaci di reggere il pensiero e le idee di intere generazioni.
Ma se già non c’è il l rispetto del voto come si può pensare ad altro?

E adesso cosa succederà in Consiglio comunale? Avremo il pd in maggioranza e in opposizione?
Ci sono tanti modi per rendere impossibile la democrazia, che poi significa letteralmente “potere del popolo”, a Nichelino lo hanno fatto togliendo di fatto legittimità al risultato uscito dalle urne.

Nichelino è semplicemente il quadro di ciò che accadrà in Italia alle politiche: adesso ci sono le scissioni che cercano di confondere l’elettore ma prima o poi torneranno tutti insieme.

Le elezioni si sono ridotte ad orpello, una messinscena che ha il solo scopo di mortificare i cittadini e dissolvere le loro speranze….una carnevalata fuori stagione; quello che succede a Nichelino non è politica, questo non è amministrare una città.

Benjamin Franklin, con saggezza e disincanto, affermava che “La democrazia è due lupi e un agnello che votano su cosa mangiare a colazione. La libertà è un agnello ben armato che contesta il voto”.

Autore

Articoli Correlati

Lascia un commento