Resoconto Serata Informativa Sul Teleriscaldamento

10 mar, 2015

Lo scorso Venerdì 6 Marzo si è tenuta presso la Sala Mattei del comune di Nichelino la nostra serata informativa sul teleriscaldamento.
Serata ricca di spunti resa ancor più interessante per la partecipazione di un buon numero di cittadini che hanno contribuito con domande e spunti di riflessione.
Durante l’incontro è stato posto l’accento su diversi aspetti tecnici e normativi sul tema.
In particolare si è evidenziato che:
Il sistema di produzione di energia termica del teleriscaldamento dell’area metropolitana di Torino è solo parzialmente cogenerativo e sulle 5 centrali termiche esistenti solo 2 (Moncalieri e corso Regina) sono in grado di produrre calore e corrente elettrica. La realizzazione di altre centrali termiche non cogenerative ha abbassato il rendimento del sistema teleriscaldamento ad un livello molto basso, del tutto paragonabile a quello dei vecchi impianti che è andato a sostituire.
Il rendimento di un moderno impianto centralizzato con caldaie a condensazione è enormemente maggiore di quello del teleriscaldamento. Visto il costante e difficilmente giustificabile aumento delle tariffe comincia ad esserne competitiva l’installazione e contestuale rescissione del contratto con IREN teleriscaldamento. Viene ribadito che le difficoltà economiche generali rappresentano un ostacolo quasi insormontabile nelle assemblee condominiali anche a fronte di un piano di ammortamento favorevole.
Si riscontra la mancanza di comitati o gruppi di cittadini (magari gli amministratori dei condomini) in grado di fornire informazioni e consulenze con dati tecnici precisi al fine di valutare costi ed ammortamenti a seguito del distacco da IREN.
L’abbassamento dei costi dei sistemi di riscaldamento si basa su due pilastri: la produzione di energia termica con metodi ad elevato rendimento e il miglioramento dell’efficienza termica degli edifici. Il risparmio economico maggiore e il tempo di ammortamento minore si ha più spesso con il secondo. Ne consegue che una corretta e lungimirante azione politica di incentivazione dovrebbe essere rivolta in quella direzione.
La campagna informativa fatta, in passato, da IREN ha fornito una serie di informazioni incomplete o fuorvianti che ha prodotto scelte che, complice la crisi economica, sono diventate irreversibili.
L’installazione delle valvole termostatiche e contabilizzatori ai radiatori privati non sarà più prorogabile dalla regione oltre il termine recentemente stabilito per il 31/12/2016 se non accettando le inevitabili sanzioni che ne deriverebbero.

MoVimento 5 Stelle Nichelino

Autore

Articoli Correlati

Lascia un commento